Translate

venerdì 24 aprile 2015

I must have delle neo mamme

Un post dedicato a tutte le neomamme o a quelle che lo saranno, in cui ho voluto racchiudere quelli che, secondo me, sono i must have per la mamma, per il bambino, per la routine di tutti i giorni!
Un argomento al di fuori dei miei soliti, ma volevo proprio farlo, perché a me sarebbe stato utile avere il parere di qualcuno che c’è già passato. I primi giorni dopo la nascita della piccola, infatti, o durante la gravidanza stessa, avevo molti dubbi e cercavo spesso in rete consigli vari; qui ho pensato di riunire un po’ tutto ciò che potrebbe essere utile.

 Olio di mandorle dolci: lo userete voi in gravidanza, da massaggiare dopo la doccia, ma anche alla nascita del pupo/a, per la pulizia del piccolo, mescolato con acqua su un batuffolo di cotone. Io ne ho usati litri e lo uso tutt’ora. Mi trovo bene con quello de I Provenzali, puro, senza profumazioni aggiunte.

Olio di Mandorle Dolci

Olio alla caldendula di Weleda/ Olio Babygoz: ottimi entrambi per l’igiene dei primi giorni di vita e per i massaggi anche dopo (io lo uso dopo il bagnetto). Lascia la pelle morbidissima.


Risultati immagini per babigoz olio

Crema alla calendula di Martina Gebhardt: ve ne ho già parlato in un post precedente, secondo me non può proprio mancare.




Crema all’ossido di zinco: scegliete voi di che marca, io ho provato Mustela, Babygella, Chicco, tutte più o meno simili. Ottima anche la pomata POL ed il Bepanthenol, in caso di arrossamenti. Solo un’accortezza: usatene poca, non sempre (perché la pelle si difende anche da sola), ma solo in caso di arrossamento e mai sui genitali.

Sapone naturale: io mi sono trovata benissimo con quelli de I Provenzali, quando la piccola era appena nata con quello di marsiglia liquido, ora anche con quelli con varie profumazioni. Lo uso sempre per fare l’igiene intima enon ho mai avuto problemi di irritazioni.

Amido di riso: per il bagnetto, ma anche per una maschera veloce al viso della mamma: basta fare una pappetta con poca acqua e mettere sul viso, rende la pelle morbida ed è ottimo per le irritazioni. Per il bebè si usa al posto dei detergenti, non è profumato. Ottimo pure per il bagno degli adulti. Io ho usato quello di Alchemilla ma anche al supermercato lo vendono (quello della Whitecastle, a Il Gigante).
AMIDO DI RISOAMIDO DI RISO PURISSIMO DA BAGNO IN SACCHETTO DA 500 g


Borotalco naturale: io uso quello dell’Alchemilla, costa sui 5,50 euro per 150 grammi, da portare con sè, è naturale e quindi non ottura i pori. Mai usato nell’igiene, ma solo in caso di sudore, lo porto sempre con me in borsa, così gliene metto un po’ dietro la schiena per asciugare il sudore e prevenire colpi di freddo.

OlioVea: sia il tubetto, ma ancora meglio e più comodo lo spray; il tubetto è più gelloso e appiccicoso e dura meno. Lo spray invece è ottimo e funzionale. Per la mamma, già qualche mese prima della nascita, si applica sui capezzoli per prepararli alla suzione; utilissimo anche dopo per le ragadi e per piccole iritazioni. Un vero must have. Lo suo anche per la mia bimba, sul corpo, sulle manine, sul viso, perché anche se lo mette in bocca non le fa male e sono tranquilla.


Vea OlioVea Spray - Vea Spray 50

 Coppetted’argento: un vero regalo da farsi, visto il costo (sono in argento puro), ma durano per sempre e soprattutto funzionano in caso di ragadi e spaccature del capezzolo. Io sono rinata: si fa uscire una goccia di latte si applica la coppetta; non so per quale strana reazione, la combo latte- argento (credo per gli ioni che vengono liberati) permette una veloce ciatrizzazione. Una manna dal cielo, provatele. Io ho preso quelle della Depofarma a 44,80 euro.



      
     Quadrotti di cotone Chicco: ve ne ho già parlato, per i bimbi secondo me sono il top.


Chicco - Quadrotti Morbido Cotone - Igiene e protezione


     Narhinel: aspirare il nasino per pulirlo è una delle cose più difficili che ho dovuto imparare, ma questo attrezzino così semplice davvero aiuta tantissimo!! Guardate questo video per vedere come si fa ma non spaventatevi! Un consiglio: comprate on line le confezioni con i beccucci da ricambio da 20, si risparmia un sacco.

Aspiratore nasale soft


 Ciucciotti della Avent: santa Avent, come la chiamo io, una marca della Philips che produce di tutto per l’infanzia; io ho i biberon (ottimi), il tiralatte (ottimo), l’omogenizzatore (ottimo), i contenitori (buoni), ma soprattutto i ciucciotti. Quando la mia piccola me li rifiutava tutti, su consiglio di un’amica, ho provato questi: piccoli, morbidi, carini pure esteticamente. Ora ne abbiamo una collezione e lo tiene con piacere, senza abusare. Un’ancora di salvezza.


Risultati immagini per avent ciucci


    Tommee tippee: regalo di amici che già lo avevano elogiato, davvero utilissimo!! Da tenere vicino al fasciatoio, è un cestino apposito per i pannolini, ma grazie ad un pratico sistema, non permette di far trapassare gli odori. Un consiglio: comprate la scorta di ricariche on line (su Amazon), costa molto meno e vi risparmiate fatica.
Sistema di Smaltimento dei Pannolini

  Tisana allattamento: ne ho provate sia sfuse, in erboristeria, che in bustina della Weleda; alla fine queste ultime sono più pratiche senza dubbio. A me piacciono, sia per il gusto, sia perché così ho un buon motivo per bere dei liquidi e questo male non fa. La mia produzione di latte però non è incrementata con l’uso…..



Weleda Tisana per la Mamma 20 bustine
E per finire….un cavolo: sì, avete letto bene, un cavolo, un cavolo verza, da tenere nel frigo. Durante l’allattamento capita spesso, o per lo meno a me succede, di avere degli ingorghi mammari, ovvero il latte che non fluisce bene nei canalini e crea dei dolorosi nodulini (spiegazione poco scientifica ma molto veritiera). Il risultato è il seno ingorgato, la difficoltà a farlo fluire e..un dolore allucinante. Prova e riprova, cerca e ricerca, la cura per me è questa: doccia calda con massaggio per “sciogliere” i nodi e far fluire il latte fuori. Fate anche una spremitura manuale del seno, è meno difficile di quello che sembra e porta subito benefici. Alcuni hanno risoluzione applicando la borsa dell’acqua calda, a me serve di più quella del ghiaccio; e poi le magiche foglie del cavolo. Non so per quale motivo (mio marito dice per suggestione psicologica..sarà, ma con me funziona e per fortuna), ma un paio di grosse foglie, passate col mattarello e avvolte attorno al seno per qualche ora (e poi cambiate, nella giornata, o tenute tutta la notte) mi danno sollievo. Male non fa, provare per credere, sono citate spesso anche in rete.