Translate

giovedì 10 marzo 2016

Prova trucco Liquidflora: finalmente testerò questo chiacchieratissimo fondotinta

Scatti di un trucco personalizzato con prodotti Liquidflora, eseguito dalla bravissima truccatrice Isela, davvero una forza della natura! Grazie alla Farmacia Minati di Corso Sebastopoli, a Torino, che ha organizzato il tutto, rendendo possibile questa prova, per me fantastica.




Liquidflora


Che cercassi disperatamente di provare il fondotinta Liquidflora da tanto tempo non è una novità: ero arrivata a chiedere all'azienda via e-mail l'invio a pagamento di campioni. Purtroppo mi era stato risposto che i campioni vengono dati solo ai rivenditori. Insomma, sembrava introvabile. Mi ero accanita così perchè di questo fondo sul web se ne parla tantissimo nel mondo eco bio, lo avete sentito anche voi? E mi incuriosiva ancora più perchè alcuni lo amano alla follia, altri invece no! Come mai? Con la mia pelle delicata e problematica, lo sapete, cerco sempre di provare prima i prodotti per il viso e poi comprare. Chi ne è innamorato dice che è un fondotinta ottimo, coprente, molto naturale però, dalle colorazioni azzeccatissime, che rende la pelle una porcellana. Amano l'effetto curativo e purificante del prodotto. Chi invece ha a che dire afferma di aver avuto come reazione la comparsa di impurità e brufoletti. Isela mi ha confermato ciò che in parte sapevo, ovviamente con termini tecnici appropriati: in pratica si tratta oltre che di un fondotinta di un vero e proprio cosmeceutico curativo per la pelle, pertanto la purifica dall'interno e per i primi giorni di utilizzo è  normale che faccia uscire le impurità. Altro cruccio: applicazione; è un fondo liquido ma denso, l'ideale è il pennello piatto a lingua di gatto, lievemente umido. Il trucco è applicare poco prodotto, stemperandolo prima sul dorso della mano (due pushate massimo per tutto il viso), applicando dall'interno all'esterno del viso con movimenti di picchiettamento e senza strofinare. Risultato: pelle uniformata nel colorito, molto naturale, no discromie. Unico neo i pori, su di me, risultano un pò troppo. Per questo è necessario la cipria, che completa il trucco in maniera bellissima. ne basta poca, applicata con un bel pennello grosso. 


Isela mi ha fatto provare anche il fondo compatto, sicuramente più pratico ma mi piaceva di più l'effetto del fluido, che contiene anche fattori antiage. La protezione solare è minerale. Infine un tocco di terra per dare un pò di colore. 

Ho comprato il fondotinta liquido numero 2 in abbinata con la cipria numero 4. Vi farò recensione fra un pò di tempo, quando li avrò testati per bene!


Passiamo al resto del trucco, perchè Liquidflora ha una gamma completa! Gli occhi: delineati con un ombretto blu scuro, con un pennellino da eye liner e poi sfumati. e poi un ombretto color malva opaco. Bellissimo. Trucco naturale, ma che fa risaltare gli occhi castani. ed io che ho subito detto che il blu è uno dei colori che non uso quasi mai! Gli ombretti si applicano sia asciutti che bagnati, per dare un effetto più intenso al colore. Un tocco di mascara (anche questo mi ha incuriosita molto!) e poi le labbra: una matita con olio di mandorla, sesamo e vitamina E del colore della mia pelle ed un gloss naturalissimo che, volendo, può essere applicato anche sulle labbra per un effetto wet e gloss!








                                



I prodotti Liquidflora sono naturali al 100%, certificati Icea, creuelty free e vegan ok. Anche i packaging rispettano l'ambiente ed è possibile comprare i filler per le ciprie, terre e blush. 

Per chi volesse vivere un'esperienza come la mia consiglio di guardare sulla pagina Facebook di Liquidflora dove sono elencati tutti gli eventi nelle varie città.