Translate

giovedì 24 dicembre 2015

Lanificio Leo: prodotti belli e di qualità

Del Lanificio Leo vi ho già parlato in un post perchè avevo ricevuto un regalo da mio marito proprio di questo brand; ebbene, in estate, trovandomi nei pressi del loro paesino calabrese, abbiamo deciso di fare una bella gita proprio a Soveria Mannelli, per scoprire come creano queste fantastiche opere d'arte... E dopo una bel tragitto fra curve e curvette, boschi e montagne calabresi, siamo arrivati in questo paese piccolo ma ridente. Nella piazzetta della chiesa, oltre una breve salita, appare il laboratorio del Lanificio Leo, modernissimo, semplice, pulito ma di grande effetto. Qui la modernità e l'antico di prendono a braccetto, non a caso le macchine per la tessitura di un tempo sono vicine di casa di quelle più moderne. Un laboratorio che effettua anche vendita la pubblico, anche con un piccolo outlet per le collezioni precedenti o per i capi con piccoli difetti (a noi impercettibili, ma per un occhio esperto invece presenti). Appena entrati ci ha accolto proprio il "padre fondatore", colui che ha ereditato i macchinari ed ha deciso di farli rivivere, credendo in un progetto, in un sogno. E poi è arrivato il figlio, colui che ha portato l'innovazione, la modernità  che, in qualche modo ha creduto ancora una volta nel sogno del padre, riadattandolo ai nostri tempi. Con lui abbiamo potuto fare un giro del lanificio, ascoltando la storia e chiedendo. Davvero interessante, formativo e di esempio, ce ne fossero imprenditori così. Dal sito...


Lanificio Leo


Un’azienda che da oltre un secolo è parte della storia economico-produttiva del territorio, conserva la sua memoria storicanel patrimonio industriale – dalle macchine meccaniche perfettamente efficienti al prezioso archivio di oltre 200 calchi ottocenteschi intagliati a mano in legno di pero con cui si realizza il processo della stampa a ruggine rigorosamente handmade. Il Museo d’Impresa consiste in uno spazio di oltre mille metri quadri in cui si compie il ciclo produttivo completo – dalla trasformazione della lana in filato cardato alle diverse tecniche di tessitura a navetta; dai finissaggi per tessuto alla maglieria – che è anche laboratorio di sperimentazione di prodotto e di edutainment, luogo dell’apprendimento e della conoscenza, in cui le dinamiche della low technology suggeriscono nuovi spunti di creatività. Un piccolo archivio raccoglie i materiali prodotti dal Lanificio Leo per le sue attività di ricerca e sperimentazione, allestimenti espositivi, eventi organizzati o a cui ha partecipato e riviste internazionali di settore. Inoltre è consultabile su appuntamento l’archivio storico. L’Azienda e il Museo rientrano nei circuiti del turismo culturale e sono aperti alle visite scolastiche guidate. Durante tutto l’anno ospitano diversi eventi culturali e laboratori di apprendimento e sperimentazione sulle diverse tecniche di produzione.

Ed ecco i nostri acquisti, da perdersi fra biancheria per la casa, coperte, capi di abbigliamento, sciarpe e foulard....
Abbiamo preso questi asciugamani e relativi ospiti molto belli, semplici ma eleganti. Inutile dire che qui quello che conta di più sono la manifattura e le materie prime.







La coperta in lana è stata un regalo del papà per Elisa e adesso in effetti la stiamo usando tantissimo perchè è morbidissima, comoda e calda. Anche qualcun'altro l'ha notato....




Abbiamo poi preso una fascia in lana color carta da zucchero utile sia come scaldacollo che come cappellino per la piccola, trovo sia comodissima e moderna.






Impossibile non comprare poi alcune delle bellissime sciarpe in lino, purtroppo vi posso postare solo le foto del catalogo perchè le ho regalate e non ho fatto la foto all'originale.





Potete acquistare i prodotti direttamente al lanificio, hanno anche uno store esclusivo all'aereoporto di Lamezia Terme ed a Soverato c'è un negozio, Penelope,  che ha alcuni dei loro articoli.